CAPPE CHIMICHE: PERCHÈ SONO UTILI I CONTROLLI IN SITU LAB

Le Cappe Chimiche ad estrazione totale sono dei “dispositivi” che proteggono l’utilizzatore e le persone presenti nel Laboratorio, pertanto devono considerarsi dei veri e propri DPC: Dispositivi di Protezione Collettiva.


Il Team di Tecnici IN SITU LAB è da sempre all’avanguardia per la manutenzione e controllo delle Cappe Chimiche, primi in Italia alla fine degli anni '90, a dotarsi di strumentazione dedicata per la verifica dell’indice di contenimento: Containment test of Fume Cupboards. 

La strumentazione da noi utilizzata ha sensibilità e precisione superiore a quanto richiesto dalla Norma per ricercare prestazioni sempre più performanti e sicure.
Una Cappa che non garantisce un contenimento delle sostanze utilizzate al suo interno  mette in pericolo l’operatore e tutti i tecnici presenti in Laboratorio. 

IN SITU LAB si propone per la verifica e il controllo delle cappe chimiche secondo gli standard di efficienza richiesti dalla norma EN 14175 . Verrà predisposto il registro dei controlli e manutenzione per ogni dispositivo nel quale verranno riportate e aggiornate le prestazioni e le verifiche periodiche di ogni cappa rispetto ai valori di riferimento.

I nostri tecnici si occupano sia della manutenzione ordinaria che straordinaria cercando le soluzioni migliori al fine di garantire i migliori standard di sicurezza per gli operatori.

ARMADI DI SICUREZZA PERCHÈ SONO UTILI I CONTROLLI IN SITU LAB

Per ovvi motivi di sicurezza (incendio, corrosione, intossicazione...), tutti i materiali ad alta o bassa infiammabilità devono essere maneggiati e conservati in armadi ignifughi certificati secondo la norma EN14470-1. La struttura degli armadi, la chiusura automatica degli sportelli, le guarnizioni termoespandenti e le serrande tagliafuoco assicurano il contenimento dell’armadio  e la massima protezione delle persone. I nostri Tecnici IN SITU LAB verificano l'integrità meccanica di ogni armadio di sicurezza al fine di garantire gli standard di sicurezza richiesti.

Per quanto riguarda gli armadi di sicurezza chimici, la Norma XFX15-211 definisce con precisione la capacità del sistema di filtrazione di un dispositivo aspirante nel mantenere le molecole dannose evaporate nel contenitore e qualifica la qualità dell’aria dopo il filtro. IN SITU LAB  si occupa di verificare le prestazioni di ogni armadio aspirante: contenimento, velocità, efficacia del sistema di filtrazione. 

I nostri tecnici si occupano anche della sostituzione dei filtri presenti nei dispositivi degli armadi aspirati. Quando un filtro è saturo le molecole di gas contaminanti contenute in un flusso d’aria penetrano attraverso gli stessi. L'aspirazione diventa quindi inefficiente. Il rischio è quello che i vapori nocivi che vengono rilasciati dai prodotti immagazzinati all’interno dell’armadio fuoriescano e vengano inalati dell’utilizzatore e le persone presenti nel Laboratorio.
È estremamente importante sostituire il filtro regolarmente, o almeno verificare il loro livello di saturazione.